Aggiornamento RLS 2024 in videoconferenza

40,00

Esaurito

Categoria:

Descrizione

A COSA SERVE IL CORSO?

Il D.Lgs. 81/08 ha introdotto l’obbligo di aggiornamento annuale dei Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (RLS) di durata pari a 4 ore per le aziende che occupano dai 15 ai 50 lavoratori e di 8 ore annue per le scuole che occupano più di 50 lavoratori. Il Ministero del Lavoro ha fornito un chiarimento sull’obbligatorietà  per aziende sotto i 15 dipendenti specificando (in data 19/04/2019)   che: “………..la formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti deve essere periodicamente ripetuta in relazione all’evoluzione dei rischi o all’insorgenza dei nuovo rischi; ai sensi della norma citata, che costituisce diretta emanazione del generale principio in materia di adeguatezza e di efficacia della formazione in relazione ai rischi specifici connessi ad ogni attività produttiva e singola posizione lavorativa, sulla base della valutazione dei rischi effettuata dal datore di lavoro, tutte le aziende, indipendentemente dal numero di lavoratori occupati, sono tenute a ripetere la formazione suddetta al verificarsi dei presupposti sopra sottolineati.”

COM’È STRUTTURATO IL CORSO?

Il corso si svolge completamente in video conferenza sincrona tramite Go To Meeting, con un appuntamento di 4 ore.

La data prescelta è sabato16 marzo 2024 dalle 8,30-12,30.

Il link si ottiene iscrivendosi alla formazione sulla piattaforma https://formazioneonlinefismbo.it/

Al termine della lezione, con un minimo di 90% di presenza, si accede alla verifica di apprendimento il cui superamento permette di scaricare l’attestato dal proprio account occorre attenersi al regolamento sotto riportato.

QUALI SONO GLI ARGOMENTI DEL CORSO?

I contenuti stabili da Accordo Stato-Regioni n.221 del 21 dicembre 2011 “Disciplina, ai sensi dell’art.37, comma 2, del D.Lgs.81/08 sono:

  • concetti di rischio; danno; prevenzione; protezione; organizzazione della prevenzione aziendale; diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali; organi di vigilanza, controllo e assistenza.
  • nuove varianti di SarSCoV2, loro patogenicità e trasmissibilità, nuove prove sulle principali vie di trasmissione (aerosol) delle varianti e conseguente adeguamento delle misure non farmacologiche di protezione dal contagio (distanziamento, aerazione e dispositivi di protezione delle vie aeree)
  • nuova gestione quarantene ai sensi del DL 5 febbraio 2022

– near miss – definizioni, importanza e possibili modalità di segnalazione (es. procedura INAIL) – rif. UNI ISO 45001-2018.

– informazione, formazione e addestramento – definizioni, attuazione e registrazione. rif. artt. 36 e 37, D. Lgs. 81/08 e D. L. 146/2021, del 28 ottobre 2021 come modificato e convertito nella Legge n. 215, del 17 dicembre 2021.

COME SI SVOLGE L’ESAME FINALE?

Per l’esame finale occorrerà rispondere a 22 domande a risposta multipla. Per ogni domanda è possibile selezionare una sola risposta corretta. Qualora si dovessero commettere 5 o più errori, bisognerà ripetere nuovamente il test dall’inizio.

CHI È TENUTO A FREQUENTARE IL CORSO? QUANTO DURA L’ATTESTATO DI FORMAZIONE?

Rappresentanti dei Lavoratori per la sicurezza in aziende da 15 a 50 lavoratori che hanno già effettuato il corso base e debbono effettuare l’aggiornamento annuale.
In queste aziende l’aggiornamento è annuale obbligatorio ed è di minimo 4 ore.

 

Il corso è consigliato anche ai Rappresentanti dei Lavoratori per la sicurezza di aziende fino a 15 dipendenti, per le quale non è definita la durata minima della formazione

 

PRESENTAZIONE DEL DOCENTE

Dott. Ing Marco Budriesi, laureato in Ingegneria Civile (sezione edile) il 14/07/93 presso l’Università degli Studi di Bologna con tesi di laurea in Acustica, Esame di abilitazione professionale (1994) ed iscrizione all’Albo Ingg. Provincia di BO (n° 5006) con esperienza ultraventennale nell’ambito della sicurezza e igiene sul luogo di lavoro, formazione ai lavoratori, progettazione e consulenza alle aziende, con particolare riferimento agli aspetti ambientali, di prevenzione incendi, acustici e del benessere lavorativo.

Dott. Ing. Silvia Bonfiglioli, laureata in ingegneria chimica sezione A presso l’Università degli Studi di Bologna nel 1995, con esperienza ultraventennale nell’ambito della sicurezza sul luogo di lavoro e igiene edilizia, formazione ai lavoratori, progettazione ingegneristica e consulenza tecnica alle aziende, con particolare riferimento agli aspetti ambientali e del benessere lavorativo.

 

Regolamento da tenersi in video conferenza:

  • Accedere al meeting con puntualità, secondo quanto stabilito dall’orario delle videoconferenze.
  • Accedere con il nominativo del corsista, perché tale risulterà nel registro delle presenze
  • Da normativa la formazione in videoconferenza è equipollente alla modalità in presenza, pertanto obbliga parimenti al 90% di presenza. In questo caso a registrare la presenza è la piattaforma che monitora accessi e uscite dei singoli account
  • Il link di accesso al meeting è strettamente riservato, pertanto è fatto divieto a ciascuno di condividerlo con soggetti non iscritti, si precisa peraltro che soltanto coloro che sono regolarmente iscritti al meeting riceveranno l’attestato di partecipazione al corso.
  • Accedere al meeting sempre con microfono disattivato. L’attivazione del microfono è richiesta dal docente e/o organizzatore oppure consentita dall’insegnante su richiesta del corsista tramite chat;
  • In caso di ingresso in ritardo, non interrompere l’attività in corso.
  • Partecipare ordinatamente al meeting. Le richieste di intervento sono rivolte al docente sulla chat e indirizzate a tutti;
  • Partecipare al meeting con la videocamera attivata che inquadra il corsista in primo piano, in un ambiente adatto all’apprendimento e possibilmente privo di rumori di fondo
  • La partecipazione al meeting con la videocamera disattivata è consentita solo in casi particolari e su richiesta motivata del corsista e autorizzata dall’organizzatore.
  • La video conferenza sarà registrata come da normative Privacy e con le sole finalità documentative dall’attività